LIBRI / PSICOLOGIA CULTURALE

 

PSICOLOGIA CULTURALE

di Michael Cole

Isbn: 978-88-87958-14-0
Pagine: 335

In questo libro, nello spirito stesso del titolo, si esplorano le origini e il possibile futuro della psicologia culturale e dello studio del ruolo della cultura nella vita mentale degli essere umani. Perchè gli psicologi trovano così problematico tenere in considerazione la cultura? Vengono esaminati i primi tentativi di includere la cultura all'interno del programma scientifico della psicologia, che si fondarono sui metodi cross-culturali. L'attenzione è focalizzata sia sulle difficoltà che tali tentativi incontrarono sia sui successi conseguiti. L'obiettivo dell'autore è descrivere una metodologia fondata su dei principi con cui creare ed utilizzare una psicologia che includa la cultura.

   € 26,00



Indice

 

Ringraziamenti

Prefazione

Introduzione

1.  Domande e controversie persistenti

2.  Indagini cross-culturali

3.  Sviluppo cognitivo, cultura e istruzione

4.  Dalla psicologia cross-culturale alla seconda psicologia

5.  Mettere la cultura al centro

6.  Filogenesi e storia culturale

7.  Un approccio culturale all'ontogenesi

8.  L'analisi cognitiva del comportamento nel contesto

9.  La creazione di modelli di sistemi di attività

10. Una metodologia multilivello per la psicologia culturale

11. Il lavoro nel contesto

Postfazione

Note

Riferimenti bibliografici

 

Autore

Michael Cole ha insegnato nelle università di Standford, Yale, Rockfeller e, dal 1978, San Diego in California in cui ha fondato il Laboratory for Comparative Human Cognition, che ha diretto fino al 1989 e dal 1995 sino ad oggi, e dove è anche coordinatore del Communication Program. Promuovendo in USA gli studi di Lev Vygotskij e Aleksandr Lurija, nel laboratorio si sviluppano ricerche di psicologia culturale, sulla teoria dell'azione e della comunicazione, sulle comunità di "pratiche", sugli ambienti educativi e sulla comunicazione come fenomeno. Inoltre si sono affrontati studi sull'ergonomia degli ambienti di lavoro e sui sistemi di mediazione, fisica e ideale, che vi insistono, ed approcci a Internet sia come ambiente di mediazione e cooperazione che come formazione di conoscenza e cultura diffusa.